L’arte del Carnevale torna a Fano: musica, spettacolo e dolcezza dell’appuntamento più antico d’Italia

Un’occasione unica di divertimento ma anche un momento straordinariamente importante per scoprire ed apprezzare le bellezze del territorio.

Alzatosi ufficialmente il sipario sul Carnevale di Fano, l’Ente Carnevalesca, l’associazione di volontariato che tiene le fila della manifestazione, ha oliato gli ingranaggi della grande macchina organizzativa per spiccare il volo verso una nuova edizione.

Il Carnevale di Fano, considerato il più dolce d’Italia dal 1347, si appresta a mettere in pista tre domeniche esaltanti e rivoluzionarie in programma il  28 gennaio, il 4 e l’11 febbraio.

Si tratta di un evento che apre naturalmente ad altre realtà e collaborazioni, regalando un respiro sempre più nazionale, come si può intuire dal contributo arrivato dai personaggi di RTL 102.5, che saranno ospiti durante la prima domenica di sfilate.

Il Carnevale volano per conoscere ed apprezzare il territorio

L’evento carnevalesco è l’espressione più autentica della cultura cittadina soprattutto per la capacità consolidata di riscoprire la tradizione e la creatività dei maestri carristi, consolidatasi nella realizzazione di vere opere d’arte della gommapiuma e della cartapesta.

Presenziare agli eventi carnevaleschi di Fano, ammirare la sfilata dei carri, sarà quindi l’occasione per muoversi in un territorio meraviglioso, al quale dedicare una vacanza, complici le strutture ospitalità confortevoli e all’avanguardia fra le quali scegliere è facile scorrendo le pagine web d’un sito ricco di spunti.

Il Carnevale è un volano importante per il turismo. Chi sceglie di prendervi parte potrà scoprire ed apprezzare le bellezze del territorio, decidendo di soggiornare in un contesto splendido del nostro paese, come quello collocato fra la Romagna e le Marche.

Il Carnevale di Fano: il più dolce e antico d’Italia

Il Carnevale di Fano è il più antico in Italia, a certificarlo è un documento risalente al 1347,  conservato gelosamente nell’Archivio storico comunale.

Ma si tratta anche dell’appuntamento più dolce grazie alla tradizione del ‘getto’ ovvero del lancio di quintali di dolciumi dai carri di cartapesta direttamente sulla folla, che si accalca per prendere parte  all’evento.

L’edizione 2018 sarà caratterizzata dal lancio di dolcissimi cioccolatini, ai quali abbinare la tenerezza dei tanti abbracci che verranno regalati gratuitamente a tutti i presenti.

L’edizione 2018 rilancia la figura del Vulon

Sarà il Vulon l’immagine ufficiale dell’edizione 2018.

“Nel passare degli anni la figura del “Vulon”, nata come maschera fanese, è andata un po’ a perdersi – spiegano dall’Ente Carnevalesca -. Forse troppo associata al Pupo, che è altra cosa. Come Bergamo ha Arlecchino e Napoli, Pulcinella, l’idea è quella di rilanciare il ‘Vulon’ come maschera ufficiale del Carnevale di Fano e come, d’altronde, voleva il suo ideatore. Per questo, abbiamo deciso di dedicargli l’immagine ufficiale del Carnevale 2018”.

Carri e collaborazioni

Il carnevale 2018, ricco di musica, sport, spettacolo e solidarietà, si apre a nuove realtà e collaborazioni come ad esempio quella con Pesaro, per la messa a punto del Carro di prima categoria, “La Calunnia è un venticello”, di Pierluigi Piccinetti, dedicato al grande Gioacchino Rossini, per celebrare degnamente l’anno Rossiniano e regalare nuovi spunti culturali.

Grazie alle nuove collaborazioni con aziende private e storiche del territorio l’edizione 2018 si arricchisce di nuove presenze come quella del Pesce Azzurro che parteciperà con un carro realizzato per l’evento.

LEAVE A REPLY